Coronavirus, appello Fracci-Menegatti: “Non fate morire scuole di danza, pronti a collaborare”

Ed ha ancora aggiunto Beppe Menegatti: “quanto sta accadendo è difficile da accettare, ed io ho vissuto la guerra, ero adolescente. Ma questo virus è qualcosa di incontrollabile, di inaspettato, un morbo atroce. E la mia città, Milano, l’Italia tutta, stanno affrontando in modo eroico questa emergenza”.

 

“Ma lo ripeto – hanno aggiunto Beppe Menegatti e Carla Fracci- non dobbiamo mollare la presa, bisogna ricominciare a lavorare perché la danza, come tutte le forme d’arte, è anche educazione, avamposto di moralità ”. “Noi ci saremo – ha ribadito la signora della danza- Ma da soli non possiamo farcela. Spero che lo Stato, il governo ci aiuti, ci sostenga, venga incontro alle scuole di danza. Tutte private, vivono e lavorano senza fondi e sovvenzioni e si barcamenano, quotidianamente, tra mille difficoltà”.

About The Author

Related posts