La Danza, la cura per tutti i malanni

La Danza, la cura per tutti i malanni

Recenti studi internazionali hanno identificato i benefici che la danza porta ai pazienti over 60 (in realtà vale per tutte le età), dimostrando che, a prescindere dallo stile praticato, è utile per migliorare forza e resistenza muscolare, agilità, equilibrio e coordinazione, e prevenire osteoporosi e rischi cardiovascolari.

Da questo si è arrivati a stilare un elenco dei benefici apportati dalla danza.

1) Aiuta il cuore.

Uno studio italiano ha dimostrato che le persone con insufficienza cardiaca che praticano il ballo come attività fisica migliorano la salute cardiaca, la respirazione e la qualità della vita in modo significativo rispetto a chi, per esempio, va in bicicletta o usa il tapis roulant per fare esercizio.

2) La perdita di peso è un altro beneficio del ballo, se praticato con costanza.

Uno studio pubblicato sul Journal of Physiological Anthropology ha dimostrato che la pratica costante di danza di tipo aerobico permette di perdere chili di troppo, alla pari del ciclismo e dello jogging.

3) Dà iniezione di energia.

Secondo una ricerca pubblicata sul The Scholarly Publishing and Academic Resources Coalition, un programma settimanale di ballo può migliorare il rendimento fisico ed aumentare i livelli d’energia negli adulti.

4) Flessibilità muscolo-tendinea.

L’elasticità è una delle caratteristiche da non sottovalutare e che aumentano ballando.

e poi il punto 5, che riguarda positività e felicità.

La forma di divertimento data dal ballo elimina lo stress e la depressione e dona serenità e appagamento.

È stato dimostrato che uno dei benefici del ballo è quello di aiutare a prevenire lievi forme di depressione e di migliorare l’autostima della persona che lo pratica. Uno studio pubblicato sull’International Journal of Neuroscience dimostra che il movimento del ballo regola i livelli di serotonina e dopamina nel corpo. Infine, ballare è un’attività sociale che contribuisce a superare il senso di isolamento tipico delle persone depresse e di chi vive solo in più la danza aiuta ad essere più sicuri di sé. Diversi studi hanno dimostrato che i forti legami interpersonali e la socializzazione con i compagni di ballo contribuiscono ad aumentare la propria autostima e ad avere un atteggiamento positivo.

Ultimo ma non per importanza il punto 6,il ballo migliora anche la memoria.

Secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, il ballo può aumentare la memoria e prevenire la comparsa di demenza man mano che si invecchia.

Uno studio condotto su uomini della terza età, pubblicato sempre sul New England Journal of Medicine, ha dimostrato che ballare spesso aiuta a contrastare l’insorgenza dell’Alzheimer e di altre forme di demenza.

About The Author

Related posts