Pubblicità & Associazioni

Pubblicità & Associazioni

Un quesito che spesso affligge le associazioni è se possano pubblicizzare o meno le loro attività tramite volantini, cartelloni, giornali o periodici, siti web, social network o tramite qualsiasi mezzo di comunicazione.

Partiamo dal presupposto che la pubblicità è una attività riservata alle aziende.

Le associazioni no profit, infatti, non cercano nuovi clienti ma nuovi soci che perseguano i fini istituzionali inserirti nello Statuto.

Quest’ultimo punto racchiude il nocciolo della questione.

La comunicazione delle associazione e più in generale degli Enti no profit deve essere tesa a trovare nuovi soci e non a vendere una attività.

Quindi la domanda da porsi è “Quale messaggio sto facendo passare a chi mi leggerà? Che gli sto chiedendo di diventare socio o che gli sto vendendo qualcosa?”.

Per questo le Associazioni, non possono fare annunci sui siti con sconti, regali o prove gratuite.

Quando il Fisco decide di controllare un’associazione, per prima cosa va sul vostro sito internet, sulle vostre pagine Facebook, fa un giro a vedere i vostri manifesti e volantini, etc per questo bisogna fare attenzione.

Ma quindi: un’ associazione può fare un volantino/manifesto?

La risposta è SI, ma dipende da come lo fa.

In primo luogo le attività organizzate dovrebbero essere sempre rivolte agli iscritti, e in più ci sono delle regole da seguire:

  • Indicare per esteso il nome della Associazione e la sua “natura”.

Quindi: Associazione Sportiva Dilettantistica, oppure Associazione di Promozione SocialeOrganizzazione non lucrativa di utilità socialeOrganizzazione di Volontariato o per finire, nel caso non siate nessuna di tutte queste, il semplicissimo: Associazione No Profit.

  • Definire che l’ingresso nelle strutture dell’associazione è riservato ai soci.
  • Inserire sempre il logo dell’Ente di Promozione Sportiva a cui si è affiliati ed esplicitare se le attività che fate sono aperte a tutti i loro tesserati.
  • Proponete di associarsi alla vostra associazione per fare quella attività e non vendete loro quest’ultima.

Per esempio: non “Venite a fare un corso di taglio e cucito a soli 100 euro” bensì: “Diventa nostro socio! Potrai partecipare ai nostri corsi di taglio per soli 100 euro di rimborso spese”

About The Author

Related posts